fbpx
  • 030.6700152
  • Viale Libertà 39/a Bedizzole (BS) 25081

Leader o boss: che cosa vuoi diventare nella tua azienda

 

Ognuno assume un ruolo diverso in azienda in relazione alla propria personalità e alle proprie soft skills, tra le più ricercate vi è la leadership. Aver raggiunto il grado più alto nella gerarchia aziendale infatti non è sufficiente per potersi definire un leader, per diventarlo sono necessarie precise caratteristiche,che non tutti possiedono, ma che ognuno può acquisire.

 

Differenza tra leader e boss

 

Leader e boss sono due termini apparentemente simili, tuttavia analizzandoli si rivelano di significato opposto. Coloro che occupano una posizione di rilievo e responsabilità all’interno di un’organizzazione, in alcuni casi, possono essere ritenuti dei veri e propri boss, termine che assume accezione negativa. La differenza è determinata da alcuni tratti distintivi:

  • Io vs noi: la prima sostanziale differenza tra un pessimo capo e un leader deriva dalla comunicazione, in particolare dall’utilizzo dei pronomi, che riassume un modo di essere, un’attitudine verso i propri dipendenti: colui che si impone come boss pone se stesso al primo posto,in posizione di rilievo e superiorità. Il leader al contrario crea e guida un team di cui lui stesso si sente parte: contribuisce al conseguimento degli obiettivi e a traguardo raggiunto non si assume tutto il merito, ma lo condivide.
  • Timore vs rispetto: il leader viene riconosciuto e rispettato come tale dagli altri membri del team, il capo al contrario, imponendosi sugli altri con la sua attitudine al comando ottiene l’effetto opposto: il timore da parte dei suoi dipendenti. Esemplificativo è il caso dell’errore da parte di un dipendente: un leader non colpevolizza, ma in maniera costruttiva cerca di comprenderne le cause al fine di individuare il margine di miglioramento ed evitarne la ripetizione in futuro. La tipica reazione del capo invece sfocia nella rabbia nei confronti del colpevole, ottenendo come reazione naturale il timore, ben diverso dal rispetto.
  • Ordini vs responsabilità: un’ulteriore differenza tra le due attitudini è rappresentata dalla capacità di delegare. Il leader assegna responsabilità al team a seconda delle capacità individuali indicando il traguardo nel breve e nel lungo termine e contestualizzando la singola mansione, così che si lavori in maniera motivata e consapevole. Al contrario il capo detta ordini, spesso senza specificare le ragioni alla base di essi. Il risultato? Impiegati svogliati e mediocri.

 

Come riconoscere un vero leader

Compresa l’importanza di essere un leader e non un boss all’interno dell’azienda è necessario chiarire come lo si diventa. Esistono alcune caratteristiche innate, come l’empatia o  l’intuito, che sono parte del carattere, ma essenzialmente la leadership può essere acquisita attraverso un percorso di crescita personale, riflessione e introspezione. Il coaching firmato Stefano Pigolotti ti permetterà di acquisire le soft skills necessarie a modificare la tua attitudine sul posto di lavoro: pensiero strategico, buone capacità comunicative e carisma sono solo alcune delle capacità che conseguirai e che ti garantiranno il riconoscimento come leader da parte dei colleghi.

 

Perché non diventare “solo” un boss

Diventare un boss danneggia non solo la motivazione del team rendendo le relazioni difficoltose e conflittuali, ma influisce in maniera negativa anche sulla produttività dell’azienda. Numerosi studi – e la mia esperienza nel business coaching – dimostrano infatti che un manager con attitudini di leadership ottiene risultati migliori, anche in termini di margine economico: grazie al team building si crea senso di appartenenza alla realtà aziendale e ognuno da il 100%, proponendo idee e impegnandosi per il miglioramento continuo, garantendo in questo modo il raggiungimento degli obiettivi non solo nell’immediato, ma anche sul lungo termine.

 

Per intraprendere il percorso di crescita personale ed acquisire la leadership potrai leggere il mio manuale romanzato “Il tuo destino è sbocciare” firmato Stefano Pigolotti, e affiancare ad esso un percorso di crescita personale che ti permetta di sfruttare al meglio le tue capacità e di far fiorire quelle del tuo team!

 

 

Iscriviti alla newsletter

 

Post Your Comment